Esfoliare la pelle con l’olio di oliva

Esfoliare la pelle naturalmente

L’esfoliazione è il processo di rimozione della pelle morta. E’ conosciuto fin dai tempi più antichi e consiste in una pulizia profonda della nostra pelle, liberando i pori da ogni residuo di sporco e di cellule morte. Ne possono beneficiare sia le pelli secche che quelle grasse. Eseguito in modo corretto consente di donare, ad esempio al proprio viso, una grande luminosità e ringiovanimento.

Esistono diversi prodotti esfolianti in commercio, naturali e artificiali. Oggi vogliamo condividere un tipo di scrub naturale molto efficace. Si tratta di utilizzare due prodotti semplici e naturali, ricchi di proprietà benefiche.

Scrub all’olio d’oliva e zucchero

Questo scrub viene solitamente preparato mescolando un paio di cucchiai di olio d’oliva, preferibilmente della varietà extravergine, con un po’ di zucchero. L’olio d’oliva ha anche potenti effetti antiossidanti e antinfiammatori sulla pelle. I granuli di zucchero uniformi, invece, aiutano a rimuovere la pelle morta durante il massaggio.

L’esecuzione è molto semplice e consiste nel versare qualche goccia del composto olio/zucchero sulla nostra pelle, massaggiando in modo circolare. La presenza dei granelli di zucchero permetterà di staccare le cellule morte. Non dobbiamo spaventarci: è una cosa del tutto normale. Molti di noi temono i serpenti, ma come loro, periodicamente perdiamo la pelle morta, anche se non così ampiamente come i serpenti. Non sempre però le nostre cellule morte si liberano completamente e, in questo modo, ostruiscono i pori della nostra pelle. Il processo di esfoliazione permette proprio di liberare la pelle da ogni residuo di sporcizia e di cellule morte. L’utilizzo dell’olio extravergine di oliva, inoltre, grazie alle sue proprietà benefiche, garantisce morbidezza e luminosità.

Olio in cucina, ecco cosa dicono gli esperti

L’olio che utilizziamo in cucina ha un impatto rilevante sulla nostra salute. Tra una vasta gamma di oli da cucina, scegliere quello giusto è molto importante non solo per garantire un pasto nutriente ma in quanto ha un impatto significativo sulla salute. Vediamo cosa suggeriscono esperti e nutrizionisti.

Quali oli dovrebbero essere usati per friggere, mescolare i nostri cibi, nelle insalate è stato un tema oggetto di lungo dibattito nel campo della nutrizione moderna. I nostri grassi tradizionali sono stati sostituiti con oli lavorati che vengono prodotti sfusi e molti dei nostri metodi di cottura tradizionali sono stati sostituiti con metodi di cottura moderni. Lo stesso piatto che una volta veniva preparato con metodi e ingredienti tradizionali ricchi di sostanze nutritive ora può essere dannoso per il nostro corpo a causa degli oli di bassa qualità che potremmo utilizzare e che hanno distrutto i nutrienti.

Chiariamo la differenza tra grasso e olio e analizziamo l’opinione dei nutrizionisti su quale sia il migliore per friggere e cucinare. Innanzitutto quando il lipide è solido a temperatura ambiente si chiama grasso e se è liquido si chiama olio. L’olio vegetale non va mai riscaldato e non andrebbe mai consumato. Questi tipi di olio contengono un grasso polinsaturo altamente sensibile che, quando viene riscaldato, viene trasformato in grasso cattivo. I semi sono sani ma la loro lavorazione non lo è. I grassi vegetali sono l’estrazione di lipidi da mais, colza, girasole, crusca di riso, oli di girasole. I semi di queste piante rimangono dormienti quando fa freddo, cioè l’inverno. Durante la primavera gli acidi grassi polinsaturi iniziano a germogliare a causa del caldo o della temperatura più calda. Questi grassi polinsaturi in questi semi lo proteggono dal calore. Ma quando li elaboriamo, distruggiamo i grassi polinsaturi e i suoi antiossidanti e li trasformiamo in grassi meno sani per la salute.

In cucina è da preferire l’olio extravergine di oliva. L’olio spremuto a freddo o gli oli extravergini vengono espulsi senza calore. Questo metodo immagazzina gli antiossidanti all’interno della fonte dei semi e non lo rende volatile. In alternativa sono da preferire oli che possano resistere al calore. Olio di senape extravergine o spremuto a freddo, olio di arachidi, olio di sesamo, burro chiarificato, burro, olio di cocco extra vergine per citarne alcuni. Questi oli possono resistere al calore.

Per salvaguardare la nostra salute dobbiamo porre attenzione ad alcuni rischi a cui possiamo andare incontro. Alcuni prodotti alimentari possono contenere oli vegetali, come ad esempio alcune patatine fritte o snack salati. Alcuni ristoranti riutilizzano l’olio per friggere per una settimana o più. Questi oli diventano tossici. La margarina è distante solo una molecola dall’essere chiamata plastica. Un burro bianco puro o un burro non salato sono un’alternativa più sana rispetto alla margarina.

I grassi buoni sono alcuni degli alimenti più nutrienti. Noci e semi come semi di sesamo, semi di zucca, semi di girasole, mandorle, anacardi, pistacchi, noci, semi di chia, semi di lino per citarne alcuni. Mangia grassi naturali ed evita quelli lavorati.
Burro fatto in casa, burro chiarificato, olio di senape extra vergine o spremuto a freddo, olio di arachidi, olio di cocco, olio extravergine di oliva e qualsiasi olio prodotto che sia olio non raffinato sono grassi alimentari. Tra i prodotti animali, il tuorlo d’uovo e il grasso naturale di animali biologici e i suoi prodotti sono buoni. Tuttavia, è necessaria la moderazione nel consumo.

Al contrario, alcuni oli vegetali sono detti “cattivi” e possono danneggiare la nostra funzione cellulare. Si tratta degli oli vegetali polinsaturi termosensibili. Quando vengono riscaldati, i grassi fragili si trasformano in composti tossici. Alcuni esempi di grassi che dovremmo abituarci a sostituire, sono l’olio di canola, olio di soia, olio di girasole, olio di semi di cotone, olio di cartamo, margarina.
Sostituire i tuoi oli o grassi con quelli sani è uno dei principali trampolini di lancio per trasformare i tuoi obiettivi di salute. Consulta il tuo medico regolarmente, parla della dieta che stai seguendo e fatti consigliare gli ingredienti migliori per la tua salute.