La produzione di olio di oliva in Toscana

Olio extravergine di oliva toscano

Olio extravergine di oliva toscano

La Toscana è una regione italiana a statuto ordinario situata nell’Italia centrale, con capoluogo Firenze. Confina a nord-ovest con la Liguria, a nord con l’Emilia-Romagna, a est con le Marche e l’Umbria, a sud con il Lazio. Ad ovest le sue coste sono bagnate dal Mar Ligure nel tratto centro-settentrionale mentre il Mar Tirreno bagna il tratto costiero meridionale che segna il confine con il Lazio.

L’olio di oliva toscano è tra i più apprezzati in Italia; centro dell’economia toscana, è particolarmente riconoscibile per la sigla IGP, “Indicazione Geografica Protetta”, una certificazione data dall’Unione Europea proprio per la produzione della Toscana. Il clima temperato, le scarse precipitazioni, il terreno collinare e fortemente calcareo della Toscana sono un clima ottimale per gli ulivi. Qui l’ulivo è piuttosto diffuso; circa 93.000 ettari di superficie olivicola, posizionati per il 90% in zone collinari o di bassa montagna sono presenti a Firenze, Grosseto, Siena e Arezzo.

La Toscana è tra le sei regioni italiane più produttrici di olio (430 frantoi attivi con una produzione annua di circa 250.000 quintali, pari a circa il 2.91% del totale della produzione nazionale). Le specie coltivate sono: il Frantoio, di taglia media, vigoroso e con chioma allargata e mediamente fitta; dai suoi rami nodosi appaiono foglie color verde-argento di forma allungata; il Moraiolo, rustico e poco imponente, leggermente voluminoso e folta, il Leccino, di taglia media, con chioma espansa e fitta ed il Pendolino, mediamente vigoroso, con dai rami lunghi.

La produzione di olio extravergine di oliva toscano vanta alcuni oli di eccellenza, a denominazione di origine protetta, quali l’olio extravergine di oliva Chianti Classico DOP, l’olio extravergine di oliva Lucca DOP, l’olio extravergine di oliva Seggiano DOP, l’olio extravergine di oliva Terre di Siena DOP e l’olio extravergine di oliva Toscano IGP.

 

ELENCO DEI FRANTOI:



Lascia un commento