Perché la scienza ama la dieta mediterranea

Secondo la BBC Good Food, la dieta mediterranea, che proviene dai tradizionali stili di vita culinaria degli italiani, francesi, greci e spagnoli, rappresenta una modalità di alimentazione sana che comporta mangiare molta verdura, frutta e fagioli, così come prodotti a base di cereali, pasta integrale, pane e riso.

Non solo, ma include anche il pesce, carni bianche e di alcuni prodotti lattiero-caseari.

Ma il vero elemento rappresentativo di questa dieta è l’inclusione di grassi buoni, come l’olio d’oliva e i grassi che si trovano in noci e pesce azzurro.

Nel corso degli anni, questo delizioso modo di mangiare ci ha aiutato a vivere meglio e più a lungo. Vediamo quali sono i vantaggi che questo tipo di dieta porta al nostro corpo, ormai quasi universalmente riconosciuti dalla comunità scientifica mondiale.

I vantaggi per il cuore

I risultati di un recente studio clinico, pubblicato sul New England Journal of Medicine, hanno riportato che circa il 30 per cento degli attacchi cardiaci, ictus e morti per malattie cardiache potrebbe essere prevenuto in pazienti ad alto rischio passando ad una dieta mediterranea.

Si legge nello studio che la dieta mediterranea, integrata con olio extravergine di oliva o noci, ha determinato una sostanziale riduzione del rischio di eventi cardiovascolari maggiori tra le persone ad alto rischio.

I risultati degli studi e dei test dimostrano infatti i benefici della dieta mediterranea per la prevenzione primaria delle malattie cardiovascolari.

Un altro studio pubblicato negli Atti ufficiali della National Academy of Sciences ha indicato come la combinazione di lattuga e olio d’oliva possa fare miracoli nel mantenere una pressione sanguigna sana, che è importante nella prevenzione delle malattie cardiache.

I grassi buoni contenuti nell’olio di oliva, consumati con verdure come la lattuga e il sedano, formano acidi grassi che inibiscono un enzima legato alla pressione alta.

Perdere peso

Uno studio del 2016 pubblicato sulla rivista Lancet che si occupa di diabete e endocrinologia ha scoperto che le persone che hanno seguito una dieta mediterranea hanno perso più peso rispetto a quelli che hanno preferito una dieta a basso contenuto di grassi.

“Il nostro studio mostra che una dieta mediterranea ricca di grassi vegetali, come l’olio d’oliva e noci, ha avuto poco effetto sul peso corporeo o la circonferenza della vita rispetto alle persone che seguono una dieta a basso contenuto di grassi,” dice l’autore Dr Ramon Estruch presso l’Università di Barcellona, Spagna.

Vivere più a lungo

Uno studio decennale di oltre 4.600 donne di mezza età in buona salute ha scoperto che coloro che hanno consumato cibi basandosi sulla dieta mediterranea avevano telomeri più lunghi.

I telomeri sono tratti di DNA che proteggono i codici genetici e funzionano come una specie di cappuccio di protezione che impedisce ai cromosomi di accorciarsi con l’età e con il susseguirsi delle divisioni cellulari.

Una maggiore aderenza delle persone osservate alla dieta mediterranea era significativamente associata ad una maggiore lunghezza dei telomeri, un marker di invecchiamento biologico. I risultati supportano ulteriormente i benefici della dieta mediterranea per il mantenimento della salute e per una maggiore longevità.

Un aiuto contro le malattie della vista

Nuove prove pubblicate sulla rivista Ophthalmology hanno scoperto che la dieta mediterranea può ridurre il rischio di sviluppare la degenerazione maculare senile, patologia che colpisce la zona centrale della retina (la macula) e che può portare alla perdita completa della vista.

In tutta la Norvegia, Estonia, Regno Unito, Francia, Italia, Grecia e Spagna, più di 5.000 persone di età superiore ai 65 anni sono state oggetto di osservazione; i dati che sono stati raccolti hanno evidenziato come coloro che hanno aderito alla dieta mediterranea hanno avuto le probabilità più basse di sviluppare questa malattia.

L’olio extra vergine di oliva in cucina

L’olio extravergine di oliva è quindi giustamente considerato il cardine della dieta mediterranea e può essere utilizzato sia a crudo che a cotto per cucinare. Anche per le fritture il tipo di olio migliore è l’olio extravergine. In un recente studio i ricercatori hanno infatti esaminato i cambiamenti che avvengono ad esempio nei lipidi del pesce e nell’olio durante i processi di frittura.

Le tecniche di frittura, la natura dell’olio impiegati e le specie ittiche esercitano una grande influenza sui cambiamenti che avvengono durante il processo di frittura. I ricercatori hanno dimostrato che la scelta di olio di cottura rappresenta una scelta estremamente importante.

Le variazioni intervenute nella composizione dei lipidi del pesce e dell’olio di frittura sono state studiate per mezzo della tecnica di imaging della Risonanza Magnetica Nucleare: durante il processo di frittura non solo i lipidi del pesce migrano verso l’olio di frittura ma anche i componenti dell’olio vengono trasferiti al filetto di pesce dimostrando come con l’olio extravergine di oliva si ottengano i migliori risultati.

La corretta selezione dell’olio è quindi di fondamentale importanza per il suo impatto sulla composizione finale del grasso nel filetto cotto e l’eventuale generazione di composti potenzialmente tossici nell’olio durante il processo di frittura, che influenzerà notevolmente la sicurezza alimentare e la salute umana.

Lascia un commento